Gelateria artigianale Milano

Gelato artigianale

Ecco le 8 regole per riconoscerlo

Per noi italiani, ritrovarsi a scavare in un barattolo di gelato del supermercato è cosa assai inusuale, se non, forse, in qualche raro tentativo di affogare le pene d’amore davanti ad un film di Bridget Jones. Di solito, infatti, preferiamo goderci il lusso di un vero gelato artigianale alla gelateria dell’angolo, preparato sul posto, con materie prime d’eccellenza, frutta di stagione e ingredienti naturali. Non a caso, l’Italia è il paese con la più alta concentrazione di gelaterie al mondo: circa 39 mila, includendo bar e pasticcerie. Numeri da capogiro che sottolineano da un lato la grande tradizione italiana nel settore del gelato e, dall’altra, l’attenzione sempre maggiore verso questo prodotto amatissimo da tutti.

Un’attenzione che si è tradotta anche nella Guida Gelaterie d’Italia del Gambero Rosso che ogni anno ricerca, assaggia e stila la classifica delle migliori gelaterie artigianali italiane.

Ma come riconoscere un gelato artigianale? Non esiste una risposta univoca ma delle buone regole da seguire per riconoscere un prodotto ispirato dalla filosofia dell’artigianalità.

1.La fragola va mangiata a maggio e il fico a settembre

Fico biancoch, gusto di gelato

La ricerca delle eccellenze del territorio e la scelta di utilizzare solo frutta di stagione è il primo indizio per capire che di fronte a voi c’è un gelato artigianale che segue e rispetta i tempi della natura. Trovare la fragola tutto l’anno, la pesca a gennaio, la castagna a maggio o il fico a febbraio deve farvi scattare il campanello di allarme: la natura ci regala frutti in periodi specifici dell’anno e, se una gelateria segue la filosofia dell’artigianalità, vi farà trovare la fragola solo in tarda Primavera e l’anguria in estate.

2. Il gelato non deve abbagliare

Semaforo rosso per i gelati “Technicolor”. Il colore del gelato artigianale nella maggior parte dei casi è tenue poiché privo di coloranti. Come spesso vi sarà capitato di notare nel preparare alcuni piatti, i colori che ci regala la natura tendono ad affievolirsi se cucinati o esposti all’aria con l’esclusione solo di pochi frutti – come ad esempio quelli che macchiano di più, pensiamo ai lamponi o alle more – o di alcune spezie dai colori naturali fantastici, quali ad esempio il curry o la curcuma; spezie, queste ultime, che regalano ai cibi un giallo intenso. L’azzurro puffo o il pistacchio fluorescente devono essere solo un ricordo. Con questa consapevolezza, imparerete ad apprezzare le mille sfumature pastello del vero gelato artigianale, come quelle paglierine della nostra crema all’uovo di Paolo Parisi o il tenue color nocciola della nostra Tonda Gentile del Piemonte.

3. Al buio e al chiuso: il gelato si conserva nelle carapine

Vi dice qualcosa il nome carapina? Probabilmente no, ma a tutti sarà capitato di entrare in una gelateria e trovare – al posto della classica vetrina con i gelati ben visibili – un bancone a pozzetti in cui sono custoditi dei contenitori cilindrici in acciaio – le carapine, appunto – in cui è conservato il gelato. A prima vista possono non essere belle da vedere perché nascondono il gelato ma rappresentano il modo migliore, e più igienico, per conservarlo. Il gelato artigianale quando entra a contatto con l’aria e la luce tende ad ossidarsi e a perdere le sue proprietà organolettiche; per questo motivo, la conservazione del gelato artigianale all’interno di un contenitore isolato e senza luce, consente di mantenere più a lungo la freschezza, il colore e la cremosità naturale del prodotto.

4. “Veloce, veloce, che si scioglie.”

Gelato artigianale

Ve lo dicevano anche a voi, da bambini? Il gelato “di una volta” era privo di quegli additivi chimici ed enzimi artificiali che permettono al gelato industriale di resistere a temperature ben più elevate senza sciogliersi. Per questo andava gustato in fretta, per evitare che le dolci gocce fredde ci finissero sulle mani, vanificando quell’attesa di gusto tanto attesa. È proprio questa caratteristica che contraddistingue il gelato artigianale, e che ritroverete in tutti i nostri prodotti, partendo dai sorbetti, passando per le creme, fino al #gustodeidesideri creato ogni settimana da voi. Ricordate quindi che il vero gelato artigianale va mangiato subito, senza aspettare, per evitare che si sciolga.

5. Ogni gusto è diverso dall’altro

Ogni gusto ha una sua struttura, una sua texture e una compattezza che è data dagli ingredienti che vengono utilizzati per produrlo; se assaggiando un sorbetto alla frutta lo troverete di consistenza uguale ad un gusto a base latte, allora sarete autorizzati a farvi qualche domanda sulla naturalità di quel gelato. Ogni ingrediente conferisce una struttura diversa al gusto per cui un gusto al cioccolato al latte tenderà ad essere molto più scioglievole rispetto ad un sorbetto al limone, la cui struttura tenderà ad essere più, passateci il termine, “cristallizzata”.

6. Il vero gelato non vi fa venire sete

Anche il più fedele amante del gelato artigianale sarà stato sedotto almeno una volta dal gelato confezionato. Forse lo avrà fatto con uno stick di gelato alla vaniglia ricoperto di croccante cioccolato fondente o magari lasciandosi tentare da un godurioso barattolo di gelato al caramello e biscotti. Un’estasi che però dura molto poco e soprattutto fa venire una gran sete. Se infatti il gelato è molto elaborato, tenderà ad avere una concentrazione molto alta di zuccheri e a lasciare quindi una sensazione di sete.

7. Se il laboratorio è a vista, abbiamo una chance in più che sia artigianale

La presenza di un laboratorio a vista all’interno della gelateria – come avviene nei nostri due punti vendita di via Savona in zona Tortona e in via Cagnola in zona Arco della Pace – è un ottimo indizio di freschezza del gelato prodotto. Non contenendo conservanti, infatti, quello artigianale dev’essere prodotto ogni giorno e – spesso – più volte al giorno affinché sia sempre freschissimo e preservi – esaltandoli – i sapori degli ingredienti utilizzati. Il fatto di poter assistere all’intero processo di preparazione artigianale del gelato, dalla miscelazione, alla pastorizzazione ed infine alla mantecazione, permette anche ai clienti di avvicinarsi ed apprezzare la figura del gelatiere che – un po’ come il pasticciere o lo chef – è un vero e proprio creatore di bellezza culinaria. E se non le avete mai viste, passate in una delle nostre gelaterie artigianali di via Savona – in zona Tortona – o in via Cagnola – vicino all’Arco della Pace.

8. Pochi ma buoni

Che si tratti di un ristorante, una pasticceria, una trattoria o una gelateria, l’artigianalità ha i suoi tempi di produzione e questo è il motivo per cui il menù deve essere corto.

Decidere di concentrarsi su un numero limitato di gusti permette di avere un prodotto sempre fatto al momento, con ingredienti freschi e non congelati. In questo caso, come dicono bene gli inglesi: less is more.

Sorbetto al cachi

Gusti autunnali

Arrivederci estate, benvenuto autunno! Anche per il gelato artigianale.

Qual’è la migliore gelateria di Milano? Noi non rispondiamo perché saremmo di parte. Tantissime le proposte e gli stili differenti, spesso difficilissimi, se non impossibili, da confrontare. Abbiamo però una certezza: noi ce la mettiamo tutta per essere una gelateria artigianale di eccellenza e, con il nostro lavoro, cerchiamo di offrirvi il miglior gelato di Milano!

La nostra filosofia è semplice e, al tempo stesso, impegnativa: utilizzare solo materie prime di stagione di qualità eccellente e lavorarle con cura artigianale e creatività. Sappiamo, infatti, che la natura ci offre già spontaneamente frutti e prodotti straordinari, in particolare nella nostra bella Italia, ricchi di gusto e di sostanze nutritive importanti per la nostra salute e il nostro benessere. A noi, allora, non resta che selezionarli e trasformarli in un gelato che soddisfi il palato, ma prima ancora la fantasia, di chi lo sceglie e lo gusta in cono, coppetta o nella classica brioche siciliana col tuppo.

Per questo motivo, noi di Gusto17 abbiamo deciso di realizzare un numero limitato di gusti di gelato che variano costantemente durante l’anno, in modo da potervi assicurare sempre di avere materie prime fresche, selezionate e di qualità garantita, spesso IGP o comunque eccellenze del territorio che acquistiamo da produttori attenti al delicato rapporto tra uomo e natura.

I fichi bianchi del Cilento signori di settembre

Per dare il nostro benvenuto a settembre, mese dolce e malinconico, che alterna pioggerelle e giornate dal sapore ancora tiepido, siamo andati fino in Campania per cercare dei fichi straordinari, i bianchi del Cilento, e trasformarli per voi nel gusto intenso e aromatico di un gelato a Milano.

Il fico bianco del Cilento, più piccolino del fico rosso comune, è un prodotto classificato come DOP fin dal 2006 che nasce tra le montagne della provincia di Salerno che coronano i siti archeologici di Paestum e Velia e terminano con la conca del Vallo di Diano. Si tratta di una variante particolarmente dolce e ricca di aroma, la cui buccia, contrariamente al fico comune, non cambia di colore durante la maturazione e che presenta un interno tra il marroncino e il bianco molto caratteristico e profumato.

Con questo frutto settembrino non facciamo solo il nostro classico sorbetto, con totale assenza di latte e una limitata aggiunta di acqua e zuccheri per mantenere intatto il sapore originario, ma anche una salsa da accompagnare al gelato alla ricotta di bufala e alle mandorle salate di Toritto. Questo nostro abbinamento gourmet fa incontrare, così, un altro grande prodotto campano, la ricotta di bufala, con il fico del Cilento e la mandorla pugliese di Toritto, eccellenza ortofrutticola dell’Alta Murgia che proponiamo nella versione tostata e salata.

Un sorbetto al fico d’India per sognare la Sicilia

Come molte altre piante di uso alimentare e di grandissima diffusione, anche il fico d’India è originario dell’America Centrale e dobbiamo la sua diffusione nel bacino del Mediterraneo ai viaggi di Cristoforo Colombo che, per primo, lo portò in Europa dall’isola caraibica di Hispaniola. Per noi italiani, però, il fico d’India, con le sue caratteristiche forme,  il verde pallido della pianta e le sorprendenti tonalità calde, tra il giallo e il rosso scuro, dei frutti è sinonimo di Sicilia. In effetti, il 90% delle terre coltivate con questo tipo di pianta nel nostro Paese si trova proprio nella terra di Pirandello e Tomasi di Lampedusa e ne è diventato quasi il simbolo.

Disponibile tra il mese d’agosto e l’inizio di settembre, questo intrigante e dolcissimo frutto é diventato, per noi, l’occasione per realizzare un sorbetto intenso e aromatico, che  permette, chiudendo gli occhi, di sognare un po’ del sole e del calore siciliano anche in una grigia giornata autunnale milanese.

Un altro frutto siciliano da cui cerchiamo di trarre il massimo del gusto e dell’aroma è il pistacchio. Proponiamo, infatti, ai nostri clienti un gelato intenso e profumato al pistacchio salato 100% Sicilia che ha sempre un successo inalterato negli anni e nelle stagioni. La selezione attenta della materia prima è, anche qui, l’elemento chiave per potervi offrire un gelato di qualità che rispetti le caratteristiche uniche di questo particolarissimo prodotto.

Se poi volete rievocare ancora più intensamente la Sicilia potete gustare il sorbetto al fico d’India o il gelato al pistacchio nella brioche siciliana con il tuppo di alta qualità che proponiamo nelle nostre gelaterie artigianali. Non una semplice brioche con gelato, ma un prodotto di pasticceria artigianale nato per accompagnare i gusti di gelato più diversi.

Le castagne e la zucca: sapori antichi e sempre nuovi

Crema di zucca con Pan di Spagna imbevuto nel San Marzano e granella di Mandorle D’Avola.

Crema di zucca con Pan di Spagna imbevuto nel San Marzano e granella di Mandorle D’Avola

L’autunno inoltrato ha, da sempre, il sapore delle castagne e della zucca che noi di Gusto17, come nostra filosofia, selezioniamo in modo accurato da produttori esperti e in armonia con la natura e vi riproponiamo in gusti gourmet nati dalla nostra creatività.

Anche le nostre castagne, come i fichi bianchi provengono dal Parco Nazionale del Cilento e, per la precisione, dall’azienda agricola Il Fuco D’Oro di Roccadaspide (SA) che ci garantisce un prodotto di altissima qualità, dall’aroma inconfondibile e ricco di sostanze nutritive. Con questi preziosi frutti, poi, realizziamo un gelato alla crema di castagne dal gusto pieno e ricco di atmosfera che rappresenta al meglio lo spirito dell’autunno.

Per la zucca, invece, abbiamo ideato un abbinamento gourmet di particolare fascino e ve la proponiamo in una ricca crema accompagnata da un Pan di Spagna bagnato nel liquore San Marzano e impreziosita dalla granella di mandorle di Avola. In questo modo il gusto dolce e delicato di questo tipico prodotto autunnale viene esaltato dalla nota alcolica del San Marzano e dal contrappunto croccante della granella di mandorle.

I sorbetti dell’autunno: cachi e melograno

Sorbetto di melograno

Sorbetto di melograno

Per noi realizzare gelati alla frutta, come l’uva, i mirtilli, i fichi bianchi e i fichi d’India, ma anche gli ottimi cachi e melagrane che ci offre l’autunno, significa per noi realizzare dei delicati sorbetti secondo la ricetta tradizionale che prevede l’utilizzo di sola acqua, in bassa percentuale, variabile a seconda del tipo di frutto, e pochissimo zucchero. In questo modo realizziamo dei gusti di gelato che sono ottimi sia per chi è intollerante al lattosio sia per chi ha deciso di seguire uno stile di alimentazione vegano.

Durante questa stagione offriamo, in particolare, il sorbetto ai cachi e quello al melograno che uniscono al sapore dolce e intenso l’apporto di sostanze nutrienti importantissime per la nostra salute. In particolare, si tratta di due frutti ricchissimi di vitamina C e, nel caso dei cachi, anche di vitamina A e beta-carotene, essenziali per il benessere della pelle. Melagrane e cachi hanno anche un contenuto interessante di alcuni sali minerali, come il potassio e il fosforo, che hanno notevoli proprietà di riequilibrio del nostro organismo.

Non solo autunno…

Naturalmente, Gusto17 vi offre, nei suoi negozi di via Luigi Cagnola 10 e Via Savona 17, molti altri gusti, legati sempre, però, a materie prime di qualità, come il cioccolato di Valrhona, azienda leader nella tradizione della lavorazione del cacao e nell’arricchimento della palette aromatica di questo straordinario prodotto tropicale, che proponiamo in diverse ricette che si alternano nella nostra offerta, o le uova freschissime di Paolo Parisi, prodotte da galline livornesi allevate a terra e nutrite con cereali e latte di capra nell’agriturismo toscano “Le Macchie”, con cui produciamo la nostra crema, intensa e gustosa.

Insomma, non sappiamo se siamo la migliore gelateria di Milano, ma siamo certi di lavorare ogni giorno con un unico pensiero nella testa: offrirvi un prodotto buono, sano e in grado di richiamare sensazioni e sapori antichi della nostra tradizione italiana.

Gelato al pistacchio

Le Eccellenze di Gusto17

Ci sono storie che si raccontano da sole, per le quali non c’è bisogno di presentazioni. La nostra penisola è piena di queste storie, soprattutto per quel che riguarda arte, cultura e cibo. Noi di Gusto17 amiamo farci rapire dalle trame dei prodotti che utilizziamo e, soprattutto, amiamo riproporvele nelle nostre tre gelaterie artigianali a Milano: la magia delle due boutique in via Savona 17 e in via Luigi Cagnola 10.

È la nostra filosofia: andiamo continuamente alla ricerca dei prodotti che ci offre il territorio per creare gusti di gelato in grado di valorizzare e far scoprire le migliori eccellenze locali, spesso sconosciute o di nicchia, regalando ai nostri clienti un’emozione unica. Con la nostra curiosità abbiamo scovato tre storie diverse per creare il miglior gelato di Milano: il Pistacchio Salato 100% Sicilia, la Nocciola Piemonte IGPe la Mandorla di Avola.

Il gelato al pistacchio con Pistacchio Salato 100% Sicilia

Ad un passo da Porta Genova, in una piccola via tra vecchi palazzi, nasce la nostra gelateria artigianale di via Savona 17. Una boutique intima, una ringhiera affacciata sulla strada in cui ogni giorno vi facciamo assaggiare, sperimentare e sorridere. Piccola ma ricca di gusto, proprio come il Pistacchio Salato 100% Sicilia con cui facciamo il nostro gelato al pistacchio.

Questo frutto tipico del bacino del Mediterraneo iniziò a essere coltivato grazie all’invasione degli arabi che nel IX secolo trovarono, soprattutto alle radici dell’Etna, l’habitat naturale per uno sviluppo rigoglioso e peculiare. È proprio il terreno ricco di lava che rende il sapore del pistacchio di Sicilia unico e inimitabile, proprio come il nostro gelato al pistacchio, il gelato artigianale migliore di Milano. Quando le materie prime sono fantastiche, il risultato non può che essere sbalorditivo. Il nostro gelato artigianale viene fatto continuamente, tutto il giorno, in modo da potervi dare la massima cremosità e freschezza e ottenere sempre il massimo del gelato.

Nella nostra gelateria artigianale di via Savona 17 abbiamo dei modi davvero unici per farvi gustare il gelato al pistacchio: nella Coppa Gusto17, ad esempio, una coppa gelato che potrete personalizzare mettendo frutta secca alla base, 2 gusti di gelato e sopra frutta secca, meringhette, amaretti e panna. Per assaporare, insomma, il miglior gelato al pistacchio di Milano. Oppure la leggendaria brioche con gelato col tuppo, una specialità tutta siciliana in cui il nostro gusto al Pistacchio Salato 100% Sicilia si sente a casa.

Nella nostra agrigelateria valorizziamo sempre gli ingredienti di prima qualità appoggiandoci a produttori locali e tenendo fede alle ricette della tradizione culinaria italiana. Il gelato al pistacchio con solo vero pistacchio siciliano non è da meno.

Il gelato alla nocciola IGP

Gelato alla nocciola

A poche decine di metri da Parco Sempione e dall’Arco della Pace troverete la nostra gelateria artigianale di via Luigi Cagnola 10, il posto ideale dove fare rifornimento di gusto per poi passeggiare in mezzo al verde. È qui che vi proponiamo il nostro gelato alla nocciola con sola vera Nocciola IGP piemontese. Questo frutto, conosciuto anche come Tonda Gentile delle Langhe, è una delle tante specialità dei territori del basso piemonte tra le province di Cuneo, Asti e Alessandria.

Per mangiare il miglior gelato di Milano serve anche questo: ingredienti di prima qualità, materie prime fornite da produttori locali, un’agrigelateria che si affaccia sulla strada con un bancone a vista, per catturare con occhi e olfatto le tante persone che passeggiano per la città.

Il Parco Sempione, poco distante, è il luogo ideale per gustare il nostro gelato artigianale alla nocciola: un cono gelato, pratico e goloso, la cui cialda croccante anch’essa artigianale si sposa alla perfezione con la nocciola IGP Piemonte, una coppetta per chi preferisce sedersi comodamente su una panchina, e tante altre possibilità.

Soprattutto, nella nostra gelateria artigianale di via Cagnola 10, potrete provare il “Gusto dei desideri”. Nella boutique troverete un cassetto in cui potrete inserire un foglietto in cui scrivere gli ingredienti che preferite accompagnati dal vostro nome: ogni giovedì sceglieremo uno dei tanti biglietti e creeremo il gusto della settimana che avrà proprio il nome del fortunato “prescelto”. Perché non abbinarlo con il nostro gelato alla nocciola IGP Piemonte?

Il gelato alla Mandorla di Avola

Il gelato alla Mandorla di Avola è una delle tre eccellenze di Gusto17.

Con la mandorla di Avola vi riportiamo in Sicilia, nella zona di Siracusa, dove questo frutto viene utilizzato principalmente in pasticceria come ingrediente principale per il marzapane, la cassata, il torrone e le famosissime paste di mandorla. Potevamo farci sfuggire questa prelibatezza?

Il nostro gelato alla mandorla è unico e fatto solo con frutti di primissima qualità forniti da produttori locali. La mandorla di Avola rende il nostro gelato artigianale un’esplosione di sapore. Potrete farvi rapire dal migliore gelato di Milano, sempre fresco e cremoso perché fatto continuamente durante il giorno. Il gelato alla mandorla di Avola di Gusto17 saprà far viaggiare le vostre papille gustative in Sicilia, comodamente seduti nel pieno centro di una metropoli.

FASHION WEEK 2018

Da Gusto 17 sfilano i gelati ispirati ai colori di Schiaparelli, Fendi e Yves Saint Laurent

Dal 18 al 24 settembre Milano si riconferma capitale italiana e internazionale della Moda ospitando sfilate ed eventi imperdibili dedicati alla Fashion Week. In questa settimana di glamour e frenesia creativa sia i buyer che i tanti fashion addicted animeranno e si sposteranno tra location dei fashion show, delle presentazioni e degli eventi culturali, molte delle quali sono collocate nel Tortona District, la zona che ospita la nostra gelateria di via Savona 17.

E proprio da questo fermento creativo, unito all’eleganza che vestirà città, ci siamo lasciati ispirare per creare tre gusti artigianali speciali, in limited edition, che si ispirano a tre grandi maison che hanno segnato il gusto e lo stile a livello mondiale: Maison Schiaparelli, Fendi e Yves Saint Laurent.

Nell’ideare questi gusti di gelato abbiamo continuato a seguire la filosofia che anima tutto il nostro lavoro: ingredienti naturali e di stagione, materie prime selezionatissime e di alta qualità, lavorazione con metodo artigianale rispettoso della tradizione per offrirvi un gelato artigianale con una spiccata nota gourmet.

Il Rosa Schiaparelli

Chi di noi non ha ammirato Tilda Swinton sul red carpet della 75esima Mostra del Cinema di Venezia con un fiammeggiante abito in stampa leopardata con screziature di rosa e rosso, dal taglio inconfondibile, completato con guanti e stivali nella stessa fantasia? Si tratta di un abito di Haute Couture della Maison Schiaparelli che continua, dopo quasi un secolo, a reinterpretare il gusto per il colore e la provocazione della sua fondatrice Elsa Schiaparelli, una delle donne più geniali e controverse del primo Novecento.

Nata a Roma nel 1890, figlia di un professore di Orientalistica, Elsa Schiaparelli si lanciò nel mondo della moda disegnando sportswear a Parigi negli anni ’20 e dando già la misura, con questa prima insolita scelta di campo, della propria spiccata attitudine all’innovazione e all’anticonformismo. La Maison Schiaparelli vestirà, negli anni, Wallis Simpson e Audrey Hepburn, Marlene Dietrich e Greta Garbo, Lauren Bacall e Ginger Rogers ed Elsa collaborerà personalmente con i più grandi artisti del proprio tempo, come Salvador Dalí e Jean Cocteau.

Cioccolato rosa

L’iconicità del suo rosa, lanciato alla fine degli Anni Trenta, ha ispirato il nostro primo gusto: un doppio cioccolato con variegatura e crumble di nocciole Piemonte IGP e mandorle D’Avola. Tutto rosa!
La vera novità è infatti il cioccolato ‘Ruby’ di Callebaut che abbiamo usato sia per la base che per la variegatura e del crumble; si tratta del primo cioccolato al mondo di color rosa – totalmente naturale e senza l’aggiunta di coloranti – che nasce da una fava di cacao rosso rubino. Una nuova dimensione del gusto che ha dato vita – dopo il fondente, al latte e bianco – al cosiddetto cioccolato di quarta generazione. Ed è proprio il pink chocolate il protagonista di questa stracciatella arricchita da un crumble di frutta secca che dona croccantezza e decisione alle note delicate del ‘cibo degli dei’.

Il Nero Yves Saint Laurent

Yves Saint Laurent sin dagli anni Sessanta rappresenta un’icona assoluta di stile ed eleganza, capace di segnare in modo indelebile il gusto e l’immaginario di intere generazioni. Grande anticipatore dello stile retrò con la sua sfilata del 1971 ispirata al guardaroba di Paloma Picasso, il maestro stupì il mondo dell’haute couture con il primo smoking da donna reso celebre nella versione white da Bianca Jagger oppure quando, nel 1999, fece sfilare Laetitia Casta vestita solo di rose.

La sua maison, affidata negli ultimi vent’anni alla direzione creativa di Designer del calibro di Tom Ford, Stefano Pilati e Hedi Slimane, è ora guidata da Antony Vaccarello che ha saputo mantenere l’equilibrio tra tradizione, innovazione e l’eleganza impressa dallo storico fondatore.

Per celebrare Yves Saint Laurent e la storia della sua maison noi di Gusto17 ci siamo lasciati ispirare dal suo nero, il non-colore che questo tormentato maestro seppe utilizzare con abilità creatività impareggiabile; il risultato è un gusto che fonde un cioccolato Extra Dark al 90% – un blend caratterizzato da una delicata fragranza di fiori bianchi e una carica aromatica persistente e amabile – che abbiamo reso ancor più Black grazie all’aggiunta di carbone vegetale; una nota di kirsch impreziosisce e completa questa vera e propria esperienza visiva e di gusto.

Cioccolato black Yves Saint Laurent

Un gusto di gelato che vuole essere un tributo alla moda creata da Yves Saint Laurent e che rende gourmet un trend di questi ultimi anni: quello del Black Ice Cream, nato negli Stati Uniti e ideato dalla Morgenstern’s Finest Ice Cream di New York che ha dato questa sfumatura dark al gelato, creando il Black Coconut Ash​ a base di carbone vegetale proveniente dalla noce di cocco; trend subito seguito e riproposto sulla West Coast dal Little Damage di Los Angeles: qui il gusto cambia nome, diventa Goth e viene servito in un cono nero al cioccolato con un topping di nocciole. Noi lo portiamo a Milano e, nella capitale internazionale della Moda, non potevamo non dare un tocco glamour a questo che diventerà un gusto che amerete gustare e fotografare.

Il Giallo e Nero Fendi

Poche maison di moda possono vantare una storia imprenditoriale di successo come quella delle sorelle Fendi, regine indiscusse dell’alta moda, che hanno saputo coniugare creatività, spirito d’impresa e innovazione come pochi altri nel settore del fashion. Il primo amore della maison fu per la pelletteria, con le sue borse già affermate a apprezzate in tutto il mondo tra gli anni Trenta e Quaranta; ma solo l’incontro con il genio iconoclasta di Karl Lagerfeld permise alle sorelle romane il salto nel mondo dell’haute couture.

Gelato gusto zafferano e cioccolato - Fendi

Il logo delle due effe antisimmetriche è stato una presenza riconosciuta e riconoscibile nel mondo del fashion fin dalla sua creazione nel 1966, ma è soprattutto negli anni Ottanta che diventa notissimo al grande pubblico con il giallo e il nero che diventano una firma indelebile di eleganza e stile.

E partendo da questo incontro di colori abbiamo creato una crema allo zafferano utilizzando pregiati pistilli 100% italiani di Archéeccellenza maceratese nella coltivazione di questo prezioso fiore – e le uova provenienti da galline livornesi dell’allevamento toscano “Le Macchie” di Paolo Parisi. Un mix delicato ma deciso che abbina due eccellenze del nostro territorio e che serviremo insieme ad un roll al cioccolato per ottenere un contrasto cromatico ispirato ai pantoni di Fendi.

Anche in questo caso, il nostro amore per le materie prime naturali e di qualità si è coniugato con il gusto per la ricerca di sapori gourmet dando vita ad un gelato artigianale di assoluta eccellenza che non aspetta altro che conquistare vista e palato.

Tutti e tre i gusti saranno disponibili nelle gelaterie di via Savona 17 e via Cagnola 10 in zona Arco della Pace per tutto il periodo della Milan Fashion Week dal 18 al 24 settembre 2018.

brioche siciliana di pasticceria

Via Cagnola

Gusto 17 di Via Luigi Cagnola, Milano

Milano ha molte zone magiche, pienamente inserite nella vita frenetica e stimolante della città e, allo stesso tempo, capaci di rasserenare l’animo ed incantare la mente. Delle zone che sono contemporaneamente tanto vive e vitali, ricche di locali alla moda, attività commerciali e imprenditoriali di successo, quanto profondamente affascinanti per chi ama godere delle bellezze della storia e dell’architettura del passato, ma le vuole vedere dialogare in modo dinamico e spesso sorprendente con il design e le tendenze della modernità.

Una di queste aree, forse la più bella che si possa trovare a Milano, è quella che fa da cerniera tra il tranquillo Parco Sempione, che unisce la piazza dell’Arco della Pace al Castello Sforzesco, con i suoi viali tortuosi e curati intitolati ai grandi poeti e drammaturghi europei, la zona della Moscova e del Brera Design District, con i suoi mille locali alla moda in cui fare un aperitivo e i suoi palazzi eleganti, che fanno dialogare classico e contemporaneo, e Corso Sempione, la grande arteria alberata in cui ristoranti e banche, caffè e uffici, locali e attività finanziarie si mescolano e si completano a vicenda.

La nostra gelateria artigianale di Via Luigi Cagnola, a pochi passi dall’Arco della Pace e da Parco Sempione, si trova in una posizione strategica in questo quartiere di passaggio e di passeggio, meta di molti milanesi in cerca di relax dopo il lavoro e di turisti attratti dalle bellezze storiche e dallo shopping.
In questa nostra gelateria, come in quella di via Savona e nel Temporary Shop agli Orti Fioriti di CityLife, è possibile assaporare tutti i nostri gelati artigianali, realizzati solo con ingredienti selezionatissimi, come le uova bianche delle galline livornesi di Paolo Parisi, il pistacchio 100% Sicilia o le amarene brusche di Modena IGP, lavorati con un procedimento attento e rispettoso della tradizione.

Per stuzzicare, inoltre, la fantasia, e non solo il palato, lavoriamo sempre per offrirvi anche una selezione di gusti con una spiccata ispirazione gourmet: venite a vedere come abbiniamo l’olio extravergine di Frantoio Muraglia o l’aceto balsamico di Antica Acetaia Giusti con i nostri gelati e lasciatevi sorprendere da una proposta che varia nel tempo, seguendo la disponibilità stagionale di materie prime di eccellenza, per garantirvi un gelato sempre di ottima qualità.

Se lavorate in corso Sempione, o avete deciso di fare una passeggiata in questo viale verdeggiante e ricco di attività, vi invitiamo a concedervi una pausa scegliendo di assaporare uno dei nostri gelati in cono, coppetta o in una sfiziosa brioche siciliana di pasticceria.
Se lo vorrete, potrete anche partecipare all’iniziativa “il gusto dei desideri”: scrivete su un foglio, o sulle nostre pagine Facebook o Instagram, il vostro nome e gli ingredienti che vorreste per un gusto di gelato nuovo creato da voi e imbucatelo nella cassetta dedicata; ogni venerdì realizzeremo e venderemo per tutta la settimana successiva, col nome del cliente inventore, il gusto che ha solleticato di più la nostra creatività e che aderisce alla filosofia di un prodotto legato alla naturalità o alla stagionalità della materia prima.  In questo modo sarete voi stessi, con la vostra creatività e il vostro gusto personale, a contribuire alla nostra offerta, regalando nuove sensazioni a chi ama il nostro gelato.

Se poi non vi volete sbizzarrire in nuove creazioni, potrete sempre scegliere dalla nostra selezione di gusti artigianali, sempre diversi e di alta qualità, quelli che soddisfano al meglio il vostro estro del momento, magari provando anche la coppa Gusto17, arricchita con panna, frutta secca o fresca, meringhette e amaretti, o acquistando una delle nostre torte gelato, sicuri di assaggiare sempre un prodotto gourmet in cui la qualità delle materie prime e la cura nella preparazione sono state messe al primo posto per garantirvi un’esperienza unica, sana e piacevolmente rinfrescante per il palato e per la mente.

Inoltre, per aumentare la diffusione dei nostri prodotti e della nostra filosofia durante il periodo estivo, a poca distanza dalla nostra gelateria di via Cagnola, abbiamo aperto anche un Temporary Shop agli Orti Fioriti di CityLife, il grande progetto di riqualificazione del quartiere Fiera realizzato dai grandi archistar Arata Isozaki, Daniel Libeskind e Zaha Hadid nel quartiere del Portello.
La presenza di Gusto 17 in questa dinamica e innovativa realtà del commercio e dell’architettura milanese vuole anche ribadire l’importanza che l’ispirazione nata dalla bellezza, dallo stile e dal design ha per noi e per il nostro lavoro. Insomma, noi non vogliamo solo fare un gelato artigianale buono, con materie prime selezionate e un processo di lavorazione accurato, ma anche offrirvi un’esperienza davvero creativa, nata dall’ispirazione che ci regala Milano, città della moda, del gusto e dell’innovazione.

crema pasticcera con Aceto Balsamico

Via Savona

Gusto 17 di Via Savona

A pochi passi dalla Darsena e dai Navigli, la nostra gelateria artigianale di via Savona si trova in una delle zone più stimolanti della città, al centro del Tortona District che ospita, tra l’altro, la Tortona Design Week, evento del Fuori Salone collegato con il Salone del Mobile, e che è anche uno dei centri nevralgici per lo sviluppo della creatività e dell’industria del fashion in città.

I numerosi atelier di moda, gli showroom e i laboratori creativi che riempiono gli spazi dei grandi fabbricati industriali abbandonati, fanno di questo ex quartiere operaio un vero e proprio “fashion district”, fulcro di gusto, creatività e stile. A pochi passi da noi, in via Tortona, si trova, ad esempio, Superstudio Più, un grande spazio espositivo polifunzionale, una vera e propria multi-location contemporanea al servizio del mondo del fashion e dell’entertainment, con diecimila metri quadri di spazi che si possono allestire e abbinare a piacimento, diventando sedi per sfilate, teatri di posa, spazi per mostre, spettacoli o grandi eventi in generale.

La nostra zona, però, non è solo famosa per le eccellenze della moda e della creatività, ma anche per alcuni grandi esempi nel campo del food, tra cui eccelle, a quattro passi dalla nostra gelateria, la Langosteria, una grande creazione di Enrico Buonocore, imprenditore e innovatore nel settore del sea food che ha saputo immaginare e dare corpo a una serie di locali in cui il mare si gusta nei suoi ingredienti più semplici e freschi, lavorati con cura e passione. Una filosofia della cucina di qualità che, certamente, può fare il paio con il nostro modo di pensare e realizzare i gelati: materie prime di stagione, creatività e cura artigianale nelle preparazioni.

Forse è anche per questo che ci piace lavorare in via Savona, al centro di una zona che, dagli anni Novanta, ha cambiato radicalmente pelle. Il vecchio quartiere operaio che si stendeva al di là del ponte di ferro di Porta Genova, fatto di capannoni e case di ringhiera si è progressivamente trasformato in un brulicare di atelier di stilisti, laboratori di stile e creatività, showroom e centri culturali di pregio. Tra questi, bisogna di sicuro ricordare Base Milano, un progetto di contaminazione culturale tra arte, impresa, tecnologie e rinnovamento sociale nato per ragionare e operare sulla città del XXI secolo, mettendo a confronto, nei grandi spazi ricavati dall’ex stabilimento Ansaldo, la creatività e le idee di artisti e future thinkers sui temi del vivere urbano e dei suoi mutamenti.

Dal nostro bancone a vista sulla via offriamo una serie limitata di gusti artigianali, non troppo ampia per poter assicurare sempre la qualità e la freschezza delle nostre materie prime, ma molto sfiziosa e, speriamo, sempre più gradita a chi ama i sapori tipici dei nostri territori, come il pasticciotto leccese, il cannolo siciliano, la mandorla di Avola o la nocciola Piemonte IGP. Tra i nostri gusti, però, c’è anche spazio per chi vuole sperimentare qualcosa di sorprendente come un abbinamento insolito tra ingredienti gourmet. Vi proponiamo, così, delizie particolari e sempre nuove, come il gelato alla ricotta di bufala con crema di fichi bianchi del Cilento e mandorle salate di Toritto, oppure come il gusto al basilico con olio aromatizzato al limone di Frantoio Muraglia o la crema pasticcera con Aceto Balsamico della collezione 3 medaglie di Giuseppe Giusti.

I milanesi e i turisti che passano per via Tortona, magari dopo una visita al Mudec, il Museo delle Culture ospitato anch’esso nella zona dell’ex stabilimento Ansaldo, che affascina sempre i visitatori non solo per la sua architettura ricca di geometrie libere in dialogo col passato industriale, ma soprattutto per la sua vocazione all’interculturalità, espressa sia dalle mostre itineranti che vengono ospitate, sia dall’attività del Forum della Città Mondo, amano molto venire a gustare il nostro gelato. In particolare, oltre al classico cono, alla coppetta e alla brioche siciliana di pasticceria, ha molto successo il nostro Gusto17, la coppa speciale con frutta secca o fresca alla base e due gusti di gelato guarniti con amaretti, frutta secca o fresca, panna e meringhe: una delizia personalizzata e che comprende in regalo una coppetta in ceramica realizzata dagli artigiani pugliesi da portare a casa.

Se avete intenzione di rilassarvi un po’ al Parco Solari, magari portando i bambini a giocare in piscina o nelle aree a loro riservate, o se preferite proseguire fino alla Darsena per un momento di tranquillità, non dovreste perdere l’occasione di gustare uno dei nostri sorbetti, del tutto privi di latte e proteine animali, realizzati solo con frutta di alta qualità, acqua e zucchero, per renderli gustosi e adatti sia a chi è intollerante al lattosio, sia a chi ha scelto uno stile di alimentazione vegana. Li troverete, a seconda della stagione, in gusti diversi, ma tutti accomunati dalla cura per le materie prime di eccellenza, come le fragole della Basilicata, i fichi d’India, i limoni di Sorrento, i mirtilli di Agrinaviglio o le prugne rosse Sangue di Drago.

Per realizzare questi sorbetti gustosi e sani, in cui si sente pienamente l’aroma del frutto, e ogni altro nostro prodotto, noi di Gusto 17 lavoriamo sempre per offrirvi gelati artigianali in linea con l’amore per l’alta qualità che ci anima e che ci spinge quotidianamente a migliorare il nostro prodotto.